Bonus acqua potabile

Vorrei sapere se il bonus acqua potabile, portato in detrazione nella dichiarazione dei redditi, viene rimborsato in un’unica soluzione o in dieci anni come gli altri bonus.    Pierluigi

Risponde Paolo Calderone
Si premette che l’agevolazione fiscale non consiste in una detrazione ma in un credito d’imposta. Esso viene riconosciuto a chi acquista e installa sistemi di filtraggio, mineralizzazione, raffreddamento e addizione di anidride carbonica alimentare E290, finalizzati al miglioramento qualitativo delle acque per il consumo umano erogate da acquedotti (legge n. 78/2020 – articolo 1, comma 1087).
Per le modalità di applicazione del credito d’imposta si consiglia di consultare il provvedimento dell’Agenzia delle entrate del 16 giugno 2021, con il quale è stato predisposto anche il modello per comunicare all’Agenzia l’ammontare delle spese agevolabili sostenute.
Con lo stesso documento sono state inoltre individuate le modalità di utilizzo del credito. In particolare, è previsto che:
le persone fisiche non esercenti attività d’impresa o di lavoro autonomo possono utilizzare il credito nella dichiarazione dei redditi relativa al periodo d’imposta di sostenimento delle spese agevolabili e in quelle successive, fino a quando non se ne conclude l’utilizzo, oppure in compensazione tramite il modello F24
i soggetti diversi da quelli indicati nel punto precedente, invece, devono utilizzare il credito esclusivamente in compensazione, tramite modello F24.

Fonte: FiscoOggi

L’articolo Bonus acqua potabile proviene da Quotidiano del Condominio.

(Fonte)

Torna su